Storie di Piastrinopenia

storie_di_piastrinopeniaStorie di Piastrinopenia

Autore: Mauro Todisco

LA MELATONINA NELLA CURA DEL MORBO DI WERLHOF

Dall’introduzione del Prof. Luigi Di Bella a “Non morirai di questo male”:  “Quasi tutti hanno deriso le proposte da tempo avanzate, prima ancora tuttavia di degnarsi di sapere di cosa si trattava, dispregiando aprioristicamente le persone e le fonti, salvo a confondere melanina con melatonina, a ridurre la funzione della melatonina a regolatore del ritmo circadiano, ad identificare l’azione dell’ACTH con quella dei cortisonici in genere, a restringere l’azione della Somatostatina alla sola inibizione dell’increzione del GH. …”

Per acquisti: Vai su Amazon!

Certo è una storia apprezzabile quella di chi, riconoscendo che segue una rotta sbagliata, la corregge.

Ma quando qualcuno, che ha validi motivi per ritenere giusta la sua rotta, continua a seguirla nonostante i contrasti e perfino la derisione, certo… è tutta un’altra storia.

Questo libro è dedicato alla memoria del Professor Luigi Di Bella, e alla rotta che ha seguito per tutta la vita.

1969 , Alghero, Congresso della Società  Italiana di Biologia Sperimentale. Il Professor Luigi Di Bella, docente di Fisiologia all’Università  di Modena, comunica i risultati di una sua scoperta: nei ratti, la stimolazione elettrica delle Habenulae, due formazioni del cervello in stretta relazione anatomica e funzionale con la ghiandola pineale, determina un aumento del numero di piastrine nel sangue. Di lì a poco il Professore dimostrerà  che quell’aumento è dovuto, almeno in parte, alla liberazione di un prodotto della ghiandola pineale: la melatonina. Dopo averne verificato su sé stesso l’innocuità , sarà  il primo medico al mondo a utilizzare questa sostanza a fini terapeutici. Le storie di piastrinopenia raccolte in questo libro non avrebbero mai potuto esserci, senza la storia che è stata appena raccontata.

 

Non morirai di questo male

Non morirai di questo maleNon morirai di questo male

Autore: Mauro Todisco

Luigi Di Bella. La storia del medico che ha aperto una nuova via nella lotta al cancro.

Nell’agosto del ’93, in seguito a una circostanza del tutto causale, il dottor Mauro Todisco conosce il professor Luigi Di Bella. Scopre così che questo scienziato schivo, distante da qualsiasi forma di protagonismo e pressoché sconosciuto al vasto pubblico, è il medico che per primo al mondo ha utilizzato a fini terapeutici la Melatonina, sostanza prodotta dall’organismo alle cui proprietà  curative si è interessata recentemente la comunità  scientifica.
Ha inizio così, da parte del dottor Todisco, una assidua frequentazione dello studio del professor Di Bella; un rapporto che, iniziato per ragioni esclusivamente professionali, nel tempo conduce l’autore alla determinazione morale di divulgare la scoperta dell’anziano maestro.
Gli incontri col Professore segnano il filo narrativo attraverso cui Todisco racconta la vita e il percorso scientifico di Luigi Di Bella avvalendosi, fra l’altro, della testimonianza di pazienti oggi vivi grazie alle cure dell’insigne studioso.

Cliccando sull’immagine di copertina si può leggere l’introduzione al libro del dottor Mauro Todisco scritta dal Professor Luigi Di Bella.